Cooprogetti Scrl
Via Montereale, 10/C
33170 Pordenone
Impianto FV 1MWp di Pordenone Fiere S.p.A. - Pordenone (PN)
Progetto esecutivo di un impianto fotovoltaico da 956,8 kW sulle coperture dei padiglioni fieristici di proprietà di Pordenone Fiere S.p.A.

Committente: Pordenone Fiere Servizi S.r.l.
Importo lavori: 2.135.000 euro
Classi e categorie: IIIa
Progettazione Esecutiva: Ing. Maurizio Casoni - Cooprogetti S.c.r.l.
Impresa esecutrice: Grimel s.r.l. - Fontanafredda (PN)
Periodo di esecuzione: 2012


SINTESI DESCRITTIVA

Il progetto esecutivo ha per oggetto un impianto fotovoltaico di potenza pari a 956,8 kWp, collegato alla rete elettrica di distribuzione, realizzato sulle coperture dei padiglioni fieristici di proprietà di Pordenone Fiere s.p.a., situati in viale Treviso n.1 nel Comune di Pordenone, su posizione localizzata  dalle coordinate geografiche N45°56’51’’ E12°39’20’’.
Le caratteristiche del tipo di copertura sono riassumibili in tre tipologie distinte:
  • Coperture piane in manto bituminoso, comportamento al fuoco esterno Froof, su sottostruttura EI 30;
  • Coperture a cupolini in lamiera grecata incombustibile su travi ad Y in cap;
  • Coperture a falde in lamiera grecata incombustibile su sottostruttura leggera.
Le diverse tipologie di copertura, assieme alla necessità di uniformare il più possibile l’intervento impongono una scelta per le strutture di sostegno di tipo metallico con appositi ancoraggi e staffaggi.
L’installazione dei moduli fotovoltaici è avvenuta su delle opportune strutture metalliche rigidamente connesse alle sottostrutture esistenti.
Al fine di massimizzare l’integrazione architettonica dell’impianto fotovoltaico alla struttura esistente, esso è installato parallelo al piano di copertura di ciascuna falda, risultando quindi con inclinazione sub-orizzontale minimale data dalla pendenza per lo scolo delle acque meteoriche e di lavaggio.
L’impianto prevede l’uso di 5 inverter centralizzati, ciascuno dotato di proprio sistema di inseguimento (MPPT).
La scelta è diretta conseguenza della conformazione di tutto il generatore fotovoltaico, essendo costituito da più sottocampi separati fisicamente ed ognuno caratterizzato da un proprio orientamento o angolo di tilt.
Nel caso specifico, considerando i prodotti del costruttore Power One, si è optato per l’impiego di macchine con potenze varie comprese tra 110kW e 330kW.
Per la realizzazione del generatore si sono installati moduli fotovoltaici policristallini, meno sensibili all’aumento di temperatura rispetto al tipo monocristallino.
Trattasi di modulo da 60 celle, potenza nominale 260W, con celle di dimensioni unitarie 6”x 6”, aventi rendimento tipico superiore al 15% (moduli con dimensioni indicative 1000x1700 mm).
Nel caso specifico, si è considerato l’utilizzo di moduli del costruttore Invent, tipo Q260HP.
Valutata la superficie a disposizione e tenuto conto degli spazi tecnici da mettere a disposizione per le attività di gestione del generatore (manutenzione), è risultato possibile installare 3680 moduli del tipo sopra citato sulle varie coperture, con la seguente distribuzione: 
pad. n° mod. Ptot. azimuth tilt modalità di installazione
3 660 171,6kW 45 S-E moduli su tetto piano ad un’altezza massima inferiore a 30cm dal piano stesso
4 329 85,54kW 45 S-E moduli su tetto a cupolini arcuati, in posizione complanare al piano tangente (tolleranza ± 10°)
4 345 89,7kW 45 S-E moduli su tetto a cupolini arcuati, in posizione complanare al piano tangente (tolleranza ± 10°)
6 324 84,24kW 45 S-0 2,5° moduli su tetto a falda in posizione complanare alla falda stessa
6 324 84,24kW 135 S-E 2,5° moduli su tetto a falda in posizione complanare alla falda stessa
6 179 46,54kW 45 S-E moduli su tetto piano ad un’altezza massima inferiore a 30cm dal piano stesso
7 1017 264,4kW 45 S-E moduli su tetto piano ad un’altezza massima inferiore a 30cm dal piano stesso
8 251 65,26kW 45 S-O 2,5° moduli su tetto a falda in posizione complanare alla falda stessa
8 251 65,26kW 135 S-E 2,5° moduli su tetto a falda in posizione complanare alla falda stessa

Totale n° mod. 3680
Totale Ptot.956,8kW

L’intero generatore è suddiviso in 5 sottocampi, ognuno dei quali è connesso al proprio inverter centralizzato, secondo la seguente ripartizione:
sottocampo padiglioni interessati n° moduli potenza inverter
A 3 - 4 989 257,14kW 275kW
B 4 345 89,7kW 110kW
C 6 - 8 575 149,5kW 165kW
D 6 - 7 1196 310,96kW 330kW
E 6 - 8 575 149,5kW 165kW
Il numero di moduli sopra definito permette la realizzazione di stringhe tutte uguali con 23 moduli in serie ognuna; tale configurazione consente di ottenere tensioni più elevate possibile nel sistema, a vantaggio delle perdite in linea sul lato CC.
Particolare cura è stata posta nell’abbinamento dei moduli costituenti ogni stringa, effettuando un “sorting” degli stessi affinché gli scostamenti di potenza siano più contenuti possibile.
L’impianto fotovoltaico è corredato da un sistema di supervisione, per il controllo della sua corretta funzionalità.
Il sistema è costituito dal seguente hardware:
  • schede per acquisizione delle grandezze elettriche di stringa, montate e cablate all’interno dei quadri di campo predisposti;
  • schede per acquisizione degli allarmi di inverter, montate e cablate nel quadro di parallelo predisposto ;
  • centralina di rilevamenti ambientale, costituita da sensori di temperatura ambiente e di modulo, sensore di vento e di irraggiamento solare;
  • PC desktop, completo di tastiera, mouse e monitor LCD 19”
  • cavi per il collegamento delle porte seriali delle varie schede di acquisizione.
Nel PC messo a corredo del sistema di supervisione è installato il software di supervisione ILIOS di Grimel s.r.l., implementante le seguenti funzioni principali:
  • acquisizione di tensione e corrente di stringa
  • acquisizione di potenze ed energie lato corrente continua ed alternata
  • acquisizione di temperature ambiente di modulo
  • acquisizione della velocità del vento
  • acquisizione dell’irraggiamento solare
Il software provvede inoltre a segnalare eventuali malfunzionamenti del generatore fotovoltaico (mismatching, fusibili di stringa interrotti, scatto dell’interruttore di campo) e degli inverter (sovraccarico, fuori servizio, ecc…), mediante segnalazioni in video, segnalatori ottico acustici e/o e-mail.
Allarmi e grandezze caratteristiche sono infine archiviate per poter disporre in ogni momento di uno storico dell’impianto.
2014 ¬© COOPROGETTI scrl   |   P.IVA 00170010938   |   nko.it