Cooprogetti Scrl
Via Montereale, 10/C
33170 Pordenone
III corsia A4: Quarto d’Altino - S. Donà di Piave (Ve)
Realizzazione III corsia autostrada A4: lotto Quarto d’Altino - S.Donà di Piave. Servizi d’ingegneria per il Progetto definitivo del Ponte sul Piave e degli adeguamenti delle opere d’arte esclusi i cavalcavia (Cooprogetti 12%)

Committente: Autovie Venete s.p.a. - Trieste cod. 1330
Incaricato: ATI: Technital, Cooprogetti, Idroesse Infrastrutture, Studio Matildi, Ipros Engineeering
Professionisti: Bordugo ing. M., Fausti ing. G., Gaiardo ing. M.
Importo Opere: Euro 122.600.000
Classi e categorie: 1’g 17.600.000 - 9’b 105.000.000
Periodo esecuz.: 2007 - 2009

Si riporta una breve descrizione delle strutture componenti il ponte di scavalco del fiume Sile. Si tratta di un doppio manufatto, uno per la carreggiata Venezia-Trieste e l’altro per la carreggiata Trieste-Venezia.
Tali manufatti sono costituiti, ognuno, da un impalcato in struttura mista acciaio-calcestruzzo su n°2 pile e 2 spalle in cemento armato a loro volta poggianti su fondazioni profonde realizzate con pali di grande diametro.
Le due costruzioni prevedono l’alloggiamento di tre corsie per senso di marcia (più un ulteriore corsia di servizio) per ogni singolo manufatto. In tale progetto le strutture sono state predisposte e dimensionate per l’alloggiamento, appunto, di una futura corsia aggiuntiva.
I dati principali del manufatto sono:

Larghezza carreggiata: 14,25 m
Larghezza corsie: 3+3,75+3,75+3,75
Larghezza impalcato: 20,10 m
Larghezza marciapiedi: 4,35 – 0,70 m
Lunghezza complessiva impalcato: 83,54 m
Luci campate: 20,77 – 42,00 – 20,77 m
Interasse degli appoggi (luci di calcolo): 20,3 – 42,00 – 20,3 m
Spessore soletta: 0,30 m
Altezza trave acciaio in mezzeria: 1,00 m
Altezza trave acciaio appoggio spalla: 1,00 m
Altezza trave acciaio appoggio pila: 2,00 m
Interasse travi acciaio: 3,60 m
Altezza spalle: 6,67 (SA) – 9,20 (SB) m
Altezza pile: 8,888 (P1) – 8,90 (P2) m
Pendenza trasversale: 2,0 %

1.1. Impalcato
L’impalcato è costituito da una soletta in c.a. (gettata in opera su dalle prefabbricate dello spessore di 5 cm) dello spessore complessivo di 30 cm. Tale soletta collabora, mediante pioli di tipo “Nelson” 20, con n°5 travi principali in acciaio di sezione a cassoncino di altezza variabile in acciaio S355J2W e S355J0W di tipo corten (auto protetto).
La sezione della trave ha un’altezza di 1000 m in corrispondenza dell’appoggio spalla e nella mezzeria, mentre in corrispondenza dell’appoggio pila varia fino ad un’altezza di 2000 mm. Trasversalmente la struttura è irrigidita mediante traversi realizzati con profili saldati. Sono presenti n.1 traverso per ogni spalla e per ogni pila, n.1 traverso in mezzeria della campata esterna e n. 3 traversi all’interno della campata centrale.
All’interno delle travi sono previsti irrigidimenti trasversali ogni 1000 mm in corrispondenza dell’appoggio pila fino ad una distanza di 6000 mm e ogni 2000 mm nella parte rimanente della trave. In corrispondenza dell’appoggio pila e spalla sono presenti ulteriori irrigidimenti trasversali in grado di distribuire le sollecitazioni localizzate.

1.2. Appoggi e giunti
In corrispondenza delle pile è prevista la presenza di appositi isolatori elastomerici su tutte le travi dell’impalcato.
In corrispondenza delle spalle, al contrario è prevista la fornitura di appoggi unidirezionali a carico negativo sulle 3 travi centrali di ognuno dei due impalcati e di appoggi multi direzionali a carico negativo sulle 2 travi esterne di ognuno dei due impalcati.
Tra l’impalcato del nuovo manufatto e il paraghiaia di ogni spalla si prevede un giunto che sopporti deformazioni dell’ordine di ± 275 mm, tale da . assorbire le dilatazioni in fase statica e in fase sismica.

1.3. Spalle e fondazioni
1.3.1. Spalla A – lato Venezia
La spalla lato Venezia (Spalla A) in c.a. ha un’altezza complessivi di 6,67m ed è costitutita da un muro frontale di lunghezza 4,58m e spessore 1,40m e da quattro contrafforti di spessore 1,00 m. In corrispondenza della mezzeria del muro è presente un giunto di dilatazione in grado di separare strutturalmente il manufatto su cui appoggiano i due impalcati. Sono presente inoltre opportuni giunti “di costruzione” per limitare gli effetti dovuti al ritiro del calcestruzzo in fase di getto.
La fondazione della spalla è costituita da un plinto di spessore 1,50 m su n. 34 pali trivellati di diametro 1,20 m di lunghezza complessivi 27,00m

1.3.1. Spalla B – lato Trieste
La spalla lato Trieste (Spalla A) in c.a. ha un’altezza complessivi di 9,20m ed è costitutita da un muro frontale di lunghezza 4,58m e spessore 1,40m e da quattro contrafforti di spessore 1,00m. In corrispondenza della mezzeria del muro è presente un giunto di dilatazione in grado di separare strutturalmente il manufatto su cui appoggiano i due impalcati. Sono presente inoltre opportuni giunti “di costruzione” per limitare gli effetti dovuti al ritiro del calcestruzzo in fase di getto.
La fondazione della spalla è costituita da un plinto in c.a. di spessore 1,50m su n. 34 pali trivellati di diametro 1,20m di lunghezza complessivi 27,00m.

1.4. Pile, pulvini e fondazioni
La pila di ogni singolo impalcato è costituita da 5 colonne di sezione circolare in c.a. di diametro 1,20m. Le colonne della pila 1 hanno un’altezza variabile tra 6,78 m e 7,08 m, mentre quelle della pila 2 hanno un’altezza variabile tra 6,82 m e 7,10 m.
Il pulvino è costituito da una trave di sezione 1,80m x 1,60m il cui estradosso risulta segettato per l’alloggiamento a quote diverse delle travi in carpenteria metallica.
Le fondazioni in c.a. di entrambe le pile sono costituite da un plinto di dimensioni di lunghezza 20,00m in retto con sezione trasversale di dimensioni 5,60 x 1,50m. Tale plinto appoggia su n. 12 pali trivellati per ogni pila di diametro 1,20m per una lunghezza di 27,00 m.

1.5. Elementi strutturali complementari
Sono posizionati in corrispondenza della spalla e sono rispettivamente:
- soletta di transizione a compensazione dei cedimenti tra spalla e rilevato dello spessore di cm. 30;
- marciapiede laterali, formati da un elemento in calcestruzzo ottenuto con ripresa di getto, di dimensioni cm. 0,70x0,30 m su cui sono fissati, da un lato la barriera fonoassorbente integrata con barriera di sicurezza classe H4 e dall’altro il parapetto Orsogrill con barriera di sicurezza classe H4;

1.6. Elementi di finitura
Sono costituiti da:
  • impermeabilizzazione con guaina vulcanizzata risvoltata e raccordata ai bocchettoni di scarico e ai giunti di dilatazione;
  • binder e tappeto di usura dello spessore di cm. 80 e 50 mm  ciascuno;
  • barriera fonoassorbente di altezza 5,00 m per il lato nord e 3.00m per il lato sud;
  • New Jersey in cemento armato di delimitazione della carreggiata autostradale con la pista di servizio. Tale elemento verrà rimosso una volta realizzato l’ulteriore ampliamento per la quarta corsia;
  • barriere di sicurezza a bordo ponte a tripla onda di classe H4.
In generale si può osservare che le scelte operate e i materiali prescritti tendono a ottenere, pur nella massima semplicità di esecuzione, un manufatto di buona qualità.
2014 ¬© COOPROGETTI scrl   |   P.IVA 00170010938   |   nko.it